Cos’è la Protezione Civile
La storia della protezione civile in Italia è strettamente legata alle calamità che hanno colpito il nostro paese. Terremoti e alluvioni hanno segnato la storia e l’evoluzione del nostro Paese contribuendo a creare quella coscienza di protezione civile, di tutela della vita e dell’ambiente che ha portato alla nascita di un Sistema di Protezione Civile in grado di reagire e agire in caso di emergenza e di mettere in campo azioni di previsione e prevenzione. Nella fase immediatamente successiva ad una grande catastrofe, le innovazioni, le decisioni e le scelte sono favorite dal clima di forte emozione che dopo ogni disastro coinvolge l’opinione pubblica e le istituzioni.

Cos’è il Volontariato
In maniera sicuramente arida, possiamo definirlo come quell'universo di persone che ha scelto di investire una parte del proprio tempo in attività di ampia utilità sociale non remunerate economicamente.

Con lo sviluppo di una cultura di protezione civile, si è rafforzato e valorizzato il ruolo del volontariato che è da ritenersi elemento insostituibile nell'organizzazione di protezione civile e che presta la sua opera in maniera del tutto gratuita mettendo a disposizione della collettività la propria professionalità ed il suo tempo libero.

Cosa spinge le persone a dedicarsi al Volontariato
Dando per scontata l'assenza di ogni tipo di remunerazione economica, fare volontariato ...

  • ci permette di esprimere la nostra generosità verso il mondo e di farci sentire utili dandoci una soddisfazione di tipo emozionale/mentale;
  • non significa essere “eroi solitari”; significa, invece, essere parte di un gruppo, poter farsi forte del sostegno delle persone con cui si collabora, confrontandosi con le istituzioni e accrescendo la propria consapevolezza del funzionamento della società con una gratificazione di tipo sociale;
  • ci permette di acquisire e maturare competenze e capacità di alto valore con un riscontro formativo molto alto.

Il concetto di protezione civile – come espressione di solidarietà, spirito di collaborazione e senso civico - ha radici lontane. La storia racconta di organizzazioni solidaristiche e di volontariato impegnate a portare aiuto in occasione di grandi emergenze che hanno colpito l'Italia negli ultimi 50 anni: l'alluvione di Firenze del 1966 e i terremoti del Friuli e dell'Irpinia, sopra tutti. Una grande mobilitazione spontanea di cittadini rese chiaro che a mancare non era la solidarietà della gente, ma un sistema pubblico organizzato che sapesse impiegarla e valorizzarla. Il volontariato di protezione civile unisce, da allora, spinte di natura religiosa e laica e garantisce il diritto a essere soccorso con professionalità.